copertina

671: Scienziati di Romagna

Il libro racconta i protagonisti della scienza romagnola.
Solo per citarne alcuni: Evangelista Torricelli, Carlo Matteucci, Giambattista Morgagni, Silvio Zavatti, Gregorio Ricci Curbastro, Maurizio Bufalini...
Ne narra le vicende umane spesso sorprendenti, a volte avventurose e mai prive di risvolti affascinanti e le vicende scientifiche: due aspetti che si dimostrano sempre inestricabilmente legati.
L'obiettivo è chiarire il ruolo di questi personaggi nel cammino della scienza, cercando di mettere in luce la passione, gli stimoli intellettuali e talvolta anche le traversie esistenziali da cui sono scaturiti i loro successi scientifici.




672: Almanacco astronomico per l'anno duemiladieci Planetario di Ravenna)

In formato A5, contiene le effemeridi del Sole, della Luna e dei pianeti del sistema solare calcolate per Ravenna e le previsioni di marea a Porto Corsini.

Contiene gli articoli:
- “Le trecento lune piene del Planetario” di Franco Gàbici,
- “I misteri del cielo nelle cronache romagnole di medioevo ed età moderna” di Eraldo Baldini.

copertina



copertina

673: Astronomia: almanacco 2010

L’almanacco dell’Unione Astrofili Italiani (UAI) dell’anno 2010, giunto alla sua trentunesima edizione, proposto con la tradizionale suddivisione riguardo alle sezioni pianeti, occultazioni, meteore, comete, asteroidi e stelle variabili, ricalca la collaudata edizione degli ultimi anni.
Aspetti dettagliati su congiunzioni riguardanti Luna e pianeti sono trattati nelle rispettive sezioni, mentre gli aspetti più spettacolari del cielo in Italia, sono riassunti alle pagine sei e sette.
Nelle pagine della Luna sono state inserite due tabelle per l’osservazione della falce lunare vicina alla Luna Nuova. Alle pagine 134 e 135 sono rappresentate le mappe degli emisferi boreale e australe con le 88 costellazioni che compongono la sfera celeste.




674: Romagna 2009

Quarto volume dedicato alla cartofilia ravegnana e della Provincia di Ravenna presentato dal Circolo Filatelico e Numismatico Dante Alighieri di Ravenna.
Il volume offre una ricerca panoramica sulle discipline che concorrono alla stampa della cartolina postale illustrata a Ravenna, ad iniziare dal lontano 1890 fino ai giorni nostri.
Vi è elencata la seconda parte delle biografie degli illustratori delle cartoline di Ravenna.
Molte delle cartoline sono poco conosciute e riproducono i principali avvenimenti della città di Ravenna e della Provincia. Alcune serie di cartoline sono riprodotte integralmente.

copertina



copertina

675: Romagna 2008

Il presente volume, ii sesto della serie di pubblicazioni che il Circolo propone consecutivamente dal 2003, continua l’approfondimento del settore filatelico riguardante l’immagine cartofila della città di Ravenna e Provincia.
Le cartoline illustrate pubblicate in questi tre ultimi volumi dedicati alla cartofilia, con le molte curiosità e le ampie e documentate didascalie inserite, sono certamente le più significative e storicamente più interessanti dei periodo antico e siamo convinti che molti collezionisti ed anche molti residenti nella citta e provincia, potranno riconoscere alcuni siti o vedute che riporteranno alla memoria molti ricordi dei loro passato.
Come per i precedenti volumi, ringraziamo i due coordinatori: Claudio Cornazzani e Mauro Dalla Casa ed i collezionisti che hanno messo a disposizione il loto materiale, oltre alla casa editrice CAPIT, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna ed al Comune di Ravenna per il loro sostegno. [Faustino Polani]




676: Il calendario e l'orologio

Il calendario e l’orologio: due strumenti di uso quotidiano con alle spalle una lunga storia che si perde nella notte del tempi. In quest’opera, poste le indispensabili basi astronomiche dell’argomento, si percorre succintamente l’evoluzione di entrambi gli strumenti nel mondo occidentale e si riportano le soluzioni di volta in volta escogitate per mantenere in fase Luna e giorno, Luna e Sole, Sole e giorno. Riguardo al calendario, è stato dato ampio spazio al problema della Pasqua per il ruolo insieme di propulsione e di condizionamento che tale celebrazione ha svolto sin dagli inizi. Riguardo all’orologio, più che all’evoluzione delle tecniche strumentali, la trattazione si dedica a illustrare le scelte adottate per la suddivisione del giorno e per una sempre più precisa identificazione dell’”istante”: da quando era sufficiente il dato fornito dall’ombra solare fino al decimillesimo di miliardesimo di secondo fornito dagli attuali orologi atomici.
Nel volume, inoltre, i lettori troveranno un’esposizione dei calendari rituali delle religioni cattolica, ebraica e musulmana, e in appendice numerose tabelle: alcune di queste servono per risolvere rapidamente certi problemi, come trovare il giorno della settimana per una data qualsiasi passata o futura; altre, prevalentemente d’interesse storico, servono a chi desidera approfondire i metodi e le tecniche che hanno consentito di stabilire anno per anno, nei secoli passati, il nostro calendario.

copertina



copertina

677: Mitologia astrale

Il cielo dei Greci antichi — quindi anche quello dei Romani e, di conseguenza, il nostro — risale nel suo insieme all’epoca alessandrina. Ed è un cielo tutto trapunto di forme del mito, affollato di personaggi che, con cadenza esatta, attraversano la volta celeste mostrando agli occhi umani un intero mondo di narrazioni, vera e propria mitologia astrale che ogni notte si accende, sopra le teste dei mortali, come un soffitto dipinto con immagini di dei ed eroi. Creare costellazioni — come insegna Arato aiutò a orizzontarsi nell’apparente disordine del cielo, permise di individuare un assetto, conforme alla prospettiva umana, nello spazio infinito dell’universo, cogliendovi un ritmo cosmico. E dietro a ogni costellazione sta un racconto, o meglio una pluralità di racconti. Di questi racconti questo libro di Igino, testo di astronomia e insieme manuale di mitografia, offre la più ampia e documentata testimonianza. Raccogliendo un’affascinante tradizione che in molti casi rimane attestata soltanto dalle sue parole, costituisce dunque la via regia per comprendere l’antica scienza del cielo fondata sul catasterismo, ovvero «trasformazione in stella», versante narrativo antitetico rispetto alla trasformazione animalesca di cui le Metamorfosi di Ovidio presentano il quadro più variegato della letteratura classica.




678: Piccolo atlante celeste
racconti di astronomia

I racconti qui presentati - che comprendono un folgorante inedito di John Updike - evocano i momenti più avvincenti di questa lunga avventura alla scoperta del cosmo e dei suoi segreti. Una cronaca (quella quotidiana dell’uomo che si confronta con l’infinito) fatta di qualche successo e di molti vergognosi fallimenti, di entusiasmi infantili e di oscillazioni della fede.
Suddivisi in categorie emotive — Piccolo atlante celeste, Sentimento del cielo, Astronomi e Cosmologie —, i testi giocano la doppia carta dello scienziato prestato alla letteratura e dello scrittore alle prese con la prosa scientifica. Da Galileo che s’inventa un volgare italiano che possa restituire tutte le imperfezioni del volto lunare, ad Alice Munro, che rivela lo scacco delle verità scientifiche di fronte alla complessità degli affetti. La caccia ai confini del cosmo, la ricerca della vita oltre quella nata sulla terra, sono temi fondanti della grande letteratura.
Seguendo la “passeggiata notturna” del disincantato protagonista di Buzzati, attraverso l’ironia illuminista della giovane sposa di Theuriet, fino all’abbandono di ogni certezza dell’astronomo del Cervino realmente incontrato da Pontiggia, il lettore si scontrerà con la vertiginosa ampiezza del cielo stellato. E scoprirà che quella che vede attraverso il telescopio altro non è che la sua immagine riflessa.

copertina



copertina

679: Lo spazio oltre la Terra

L’avventura dell’uomo nello spazio, iniziata nell’ottobre del 1957 col lancio del primo satellite artificiale in orbita intorno alla Terra, culminò il 20 luglio 1969, quando due astronauti sbarcarono per la prima volta sulla Luna. Da allora sono passati più di quarant’anni. In questo tempo, lo spazio vicino alla Terra si è popolato di satelliti per applicazioni scientifiche o commerciali e di stazioni spaziali, dove astronauti di tante nazionalità hanno avuto il privilegio di vedere la Terra come nessuno mai l’ha potuta vedere, e di osservare l’universo da una postazione invidiabile, priva delle distorsioni causate dall’atmosfera terrestre.
L’uomo è andato oltre. Grazie a satelliti e sonde automatiche, sono stati esplorati i pianeti del sistema solare, sono stati raggiunti comete e asteroidi visibili da Terra solo con potenti telescopi. Sonde e robot mobili sono sbarcati su Marte per regalarci immagini che sino a pochi anni fa avremmo immaginato solo nei film di fantascienza. L’avventura dell’uomo nello spazio, però, è ancora agli inizi. Il suo viaggio, iniziato solo cinquant’anni fa, deve ancora essere portato a termine per contribuire al presente e al futuro dell’umanità.




680: Luna

La Luna è il corpo più grande e mutevole del cielo notturno e ha svolto un ruolo fondamentale nelle leggende, nelle religioni e nella scienza. La prima parte di questo volume affascinante ed evocativo esamina i numerosi misteri e significati associati alla Luna: una divinità da venerare, un portafortuna, una dimora di creature fantastiche, un’apportatrice di follia. Si vedrà come l’astronomia e la matematica abbiano dimostrato che essa è un satellite in un sistema sottoposto a leggi naturali, e come i telescopi ne abbiano svelato in dettaglio la faccia. La seconda parte passa in rassegna la corsa per la conquista della Luna, mentre la terza sezione, “Missione compiuta”, presenta il resoconto particolareggiato, ricco di straordinarie fotografie, del programma Apollo, quello che ha consentito di realizzare l’antico sogno umano di raggiungerla. La parte finale fornisce i fatti geologici essenziali, incluse le mappe lunari. Ricco di eccezionali illustrazioni relative ad antichi reperti e opere d’arte, questo libro svela i segreti della nostra compagna nello spazio, penetrando i misteri del mito che la avvolge e della scienza che di essa si occupa.

copertina



*

  home page ARAR Biblioteca   E-mail Il Planetario Il Comune di Ravenna