461: Ascoltando la Luna

Simbolo di vita e fecondità nelle più antiche mitologie, la Luna è stata il punto di riferimento per la misurazione del tempo, per l’organizzazione della vita agricola e oggetto delle prime esplorazioni spaziali.
Con rigore scientifico ma in un linguaggio accessibile e divulgativo, questo saggio, cercando di colmare il vuoto presente nella letteratura sull’argomento, ripercorre la storia dell’unico satellite naturale della Terra, ne descrive minuziosamente la superficie e le proprietà, passa in rassegna le teorie sulle sue controverse origini e analizza i programmi di esplorazione, perché, senza dubbio, l’immenso fascino che la Luna ha sempre esercitato sull’uomo continua a sedurlo in uno spettacolo eterno e incantevole.




462: Vita su Marte:
realtà o fantasia?

Marte non è più un mistero: dopo le fortunate missioni esplorative che si sono susseguite negli ultimi quarant’anni, conosciamo molto bene questo piaeta così diverso e al contempo così simile dal nostro. Grazie alla preziosa collaborazione di esperti di ufologia e studiosi dei Pianeta rosso, questo libro offre l’occasione di conoscere le ricerche effettuate sul suolo marziano e le analisi su frammenti provenienti da Marte e precipitati sulla Terra milioni di anni fa; una questione complessa, ricca di scoperte e contrasti. Un linguaggio accessibile e un’esposizione attenta e documentata fanno di questo testo uno strumento divulgativo, che permette anche al lettore non specialista di conoscere i più recenti sviluppi dello studio sulla vita extraterrestre.

copertina



copertina 463: L'astronomia



464: L'universo che fugge
Con questo volume, Paul Davies si è assunto il compito di fare il punto sulla visione attuale dell’universo nelle scienze fisiche e di prevederne il futuro lontano. La storia dell’universo appare dominata dalla qualità universale, e un po’ enigmatica, dell’organizzazione, dell’ordine, dell’informazione: una qualità che si oppone alla tendenza universale dei sistemi fisici a un sempre maggiore livellamento e disordine, in altri termini a un aumento dell’entropia. Nel mondo c’è una tendenza irreversibile verso il livellamento energetico, verso il disordine statistico, verso l’annullarsi di ogni organizzazione e informazione. L’estrapolazione dalla situazione attuale al lontano futuro non lascia adito a possibilità ottimistiche: la prospettiva finale è inevitabilmente quella della distruzione completa e assoluta, della cancellazione totale di ogni vestigio e di ogni ricordo di un passato lungo e ricco. Queste vicende si svolgono peraltro su una scala temporale troppo grande per poter influire sulla realtà limitata dell’individuo e, forse, della civiltà umana. Entrando nell’era tecnologica, però, l’uomo ha dato l’avvio a uno sviluppo incalzante che, nell’arco di pochi decenni, ha mutato radicalmente il volto dei nostro pianeta e che potrebbe avere, anche a scadenze relativamente brevi, sviluppi inimmaginabili. Proiettiamo le tendenze attuali in un futuro lontano miliardi di anni e vedremo realizzato il principio che tutto ciò che è possibile (ossia che non contraddice le leggi della fisica) può essere realizzato. Per i nostri lontani discendenti, illuminati da una scienza sofisticata e in grado di comunicare con altre civiltà, quella della nostra epoca sarà una cultura grossolanamente arcaica, limitata, primitiva in un universo sempre più freddo e sempre più buio, una stirpe di esseri superiori si troverà a combattere una battaglia disperata — di proporzioni cosmiche — per la propria sopravvivenza.

copertina



copertina

465: La conquista di Marte

Dall'esperto Caprara un nuovo interessante volume tutto dedicato al pianeta rosso.
Dall'osservazione di Marte dai tempi dei Caldei alle sonde robotizzate di USA e URSS fino ai progetti di missioni umane ed infine la trasformazione del pianeta rosso (terraforming) in un luogo abitabile. Un volume ricco di foto e disegni a colori che ci portano direttamente nella più grande avventura spaziale che l'umanità ha la possibilità di vedere nei prossimi venti/tren'tanni. Con la solita completezza che soltanto pochi giornalisti scientifici ci sanno dare un'esauriente libro che non può mancare in una biblioteca dedicata all'astronautica. Molto interessante anche per il fatto che è un libro recente e quindi mancano soltanto l'invio delle sonde Mars Express, MRO e i due Rover.




466: Dallo spazio per la Terra

La conquista dello spazio ha generato un grandissimo numero di applicazioni preziose per la nostra vita quotidiana, dalle previsioni meteorologiche da satellite alle telefonate con i cellulari. E anche la medicina sta raccogliendo notevoli vantaggi, studiando l‘organismo umano in condizioni estreme. Fra gli argomenti trattati:
> I programmi dell’Agenzia Spaziale Europea per nuove applicazioni sulla Terra,
> Evoluzione e sviluppi futuri nel campo delle telecomunicazioni,
> Come funziona la navigazione satellitare, > Previsioni meteorologiche: ecco come vengono elaborate,
> L’impiego del satelliti nello studio dell’ambiente e nella prevenzione dei disastri naturali,
> Telemedicina, sperimentazione di nuove sostanze farmacologiche, nuovi materiali e indagini per migliorare la nostra salute.
Il volume è illustrato da oltre 180 fotografie e disegni a colori.

copertina



copertina

467: Le frontiere dello spazio

Questo libretto accompagnava la videocassetta omonima reperibile nella sezione VHS di questa bivlioteca.
Fra i contenuti:
- La nascita dell’astronomia: dalle antiche civiltà al rinascimento,
- La rivoluzione copernicana,
- Le tappe dell’esplorazione.
- I messaggi delle comete,
- Oltre la luna: alla conquista del sistema solare,
- Vivere tra le stelle: le stazioni spaziali,
- Il telescopio Hubble,
- Il futuro: dalla fantascienza alla scienza
,

 




468: Vi racconto l'astronomia

Questo libro è nato da un’idea di Loris Dilena. Siccome ogni giorno mi arrivavano e mi arrivano lettere e posta elettronica da ragazzi e ragazze, e anche da bambini e bambine, da ogni parte d’Italia, che mi fanno le domande più varie sull’astronomia, Loris mi disse: «Ma perché non racconti anche a me e ad Aline Cendon quello che scrivi in risposta a questi ragazzi?». Da una serie di sedute tenute a casa mia prima di cena, fra la televisione accesa, con un orecchio al telegiornale, e le chiacchiere di altri amici, noi tre cercavamo di parlare di astronomia. Così, avuto il testo originale in lingua “parlata”, l’ho riscritto e ripulito dalle tante ripetizioni, ed ho cercato di raccontare che cos’è l’astronomia, di cosa si occupa quella parte più moderna che è l’astrofisica, e gli straordinari progressi fatti in questi ultimi cento anni nella conoscenza dell’universo, dal nostro sistema solare alle più lontane galassie, la cui luce ci arriva dopo un viaggio durato circa quattordici miliardi di anni. I programmi delle nostre scuole, per quanto riguarda l’astronomia sono ancora fermi a un secolo fa, e la inseriscono fra le scienze naturali. Invece l’astronomia è una branca fondamentale della fisica, e pertanto dovrebbe essere insegnata dai docenti di fisica. Difatti, l’astronomia è uno straordinario esempio delle applicazioni di tutte le parti della fisica. [Margherita Hack]

copertina



copertina 469: Storia avventurosa dell'osservazione del transito di Venere



470: Galileo Galilei copertina



*

  home page ARAR Biblioteca   E-mail Il Planetario Il Comune di Ravenna