copertina

361: L’universo elegante
I fisici e i matematici di tutto il mondo stanno in questi anni febbrilmente lavorando a una delle più ambiziose teorie che mai siano state concepite: la teoria delle superstringhe, o delle stringhe, com’è spesso chiamata. Einstein ricercò per più di trent’anni senza mai raggiungerla una teoria unificata, che riconciliasse la relatività generale e la meccanica quantistica, i due capisaldi della fisica dei Novecento. La teoria delle stringhe fornisce forse la soluzione a questo problema profondo e affascinante, descrivendo tutte le forze della natura in un unico quadro concettuale di suprema eleganza. Tutto quanto di meraviglioso avviene nell’universo è il risultato delle vibrazioni di singole unità, ultramicroscopiche stringhe nascoste nella profondità della materia. In questo libro, Brian Greene ci narra la storia di una straordinaria avventura, parlandone da protagonista e trasmettendoci tutto l’entusiasmo della scoperta scientifica. La rivoluzionaria visione dell’universo che emerge dal suo racconto prevede dimensioni nascoste e arrotolate nelle pieghe dello spazio, buchi neri che si trasformano in particelle elementari, discontinuità nella tessitura dello spaziotempo e universi che generano altri universi. Il libro descrive con intelligenza e vivacità le scoperte esaltanti e i misteri ancora insoluti dell’universo. Attraverso l’uso sapiente di analogie e di metafore affascinanti, Greene riesce a rendere immediatamente accessibili alcuni dei più complessi e sofisticati concetti della fisica contemporanea.




362: Space shuttle

Lo Space Shuttle è un nuovo tipo di veicolo spaziale pilotato dall’uomo. Nessun’altra navicella è mai stata, come questa, riutilizzabile ed in grado di ritornare nello spazio più volte trasportando un numeroso equipaggio ed una notevole varietà di carico pagante. Il Programma Space Shuttle è il più importante piano spaziale mai intrapreso dagli Stati Uniti. Nel 1981 il primo Shuttle, la Columbia, fu lanciato in orbita con un equipaggio di due uomini e diede inizio ad una nuova era del volo spaziale. Abbiamo percorso un lungo cammino in breve tempo e nonostante ormai sia facile considerare i voli dello Shuttle come un evento quotidiano, essi sono una complessa e meravigliosa opera tecnologica, resa possibile dal lavoro di astronauti, scienziati, tecnici, ingegneri ed altri specialisti.
Il volume descrive i primi sviluppi dello Space Shuttle sino alla più recente tecnologia, i componenti dei veicolo e la storia del programma Shuttle con dettagliate informazioni su ciascuna missione fino alla tragica scomparsa del Challenger nel 1986. Passo dopo passo sono illustrate le procedure di lancio e di volo e numerose immagini a colori testimoniano l’impresa dell’uomo nella sua ultima frontiera.

copertina



copertina

363: Lamarck

Sono molte le ragioni che hanno impedito per lungo tempo — almeno sino ai primi anni settanta — di avvicinarsi all’opera di Lamarck con l’intenzione di comprendere il suo ambizioso progetto di ricerca, senza preconcetti agiografici o condanne aprioristiche.
La storica contrapposizione Lamarck-Darwin, alimentata da una pluralità di considerazioni scientifiche, ideologiche, politiche, e a volte meramente nazionalistiche, ha fatto sì che delle dottrine del naturalista francese si esaltassero o si condannassero solo alcuni aspetti, spesso avulsi dal complesso contesto teorico che ne costituiva l’imprescindibile fondamento.
Al tempo stesso, gli storici che si sono interessati alle scienze fisiche e naturali tra la seconda metà dei Settecento e i primi decenni dell’Ottocento, hanno stentato a rinunciare a ipoteche interpretative che impediscono una visione meno anacronistica delle pratiche scientifiche del periodo in questione. [Pietro Corsi]




364: Meteore e meteoriti

Abbiamo scritto quest’opera pensando in modo particolare a chi voglia affrontare da un punto di vista pratico lo studio di meteore e meteoriti, anche a livello amatoriale, proponendoci di fornire informazioni difficilmente rintracciabili nei libri commercializzati in Italia. Così, a un inquadramento storico-culturale ricco di citazioni e curiosità segue una dettagliata descrizione delle tecniche osservative e fotografiche; accanto a un esame degli impatti di meteoriti con la Terra e dei loro effetti a volte catastrofici, si trovano consigli per il riconoscimento e la classificazione delle meteoriti. La peculiarità di questo libro consiste nella sua impostazione: abbiamo voluto fornire una sorta di “trampolino di lancio “ verso questa materia, la cui trattazione nel testo può essere approfondita a piacere, a prescindere dal livello di conoscenza da cui si parte. Per esempio, la breve introduzione traccia un quadro generale delle dinamiche connesse all’origine delle meteore, senza scendere in dettagli che, data la complessità degli argomenti che si toccano, renderebbe la trattazione troppo pesante per chi vi si avvicina per la prima volta. Allo stesso tempo si dà modo al lettore di ampliare il discorso facendo riferimento alla ricca bibliografia, che del resto comprende anche esaurienti testi in lingua italiana già presenti nel mercato editoriale.

copertina



copertina

365: Planetario

Fin dall’antichità gli uomini, osservando il cielo notturno, hanno riconosciuto fra i pianeti e le stelle immagini fantastiche: l’Ariete, la Vergine, lo Scorpione, Orione, il Cane, il Cigno ... Queste ottantotto figure mitiche alle quali da sempre sono associati segni zodiacali, tradizioni religiose, usanze popolari, sono tuttora adottate convenzionalmente dagli astronomi per identificare le costellazioni.
In “Planetario” Alfredo Cattabiani affronta un viaggio virtuale nel firmamento simbolico, in cui si ritrovano tracce delle civiltà mesopotamica, egizia e greca, per dipingere un affresco mitico-astronomico che fa da sfondo alla cultura occidentale. Corredato da cartine astronomiche che ne facilitano la lettura, scritto con rigore scientifico, ma anche con uno stile chiaro e accattivante, questo libro è la prima opera completa sulla remota cultura umana che si è sviluppata intorno alle stelle e, al tempo stesso, una guida pratica e originale per osservare il cielo a occhio nudo — come facevano gli antichi — e coglierne le eterne suggestioni.




366: I misteri del tempo
Da sempre il problema del tempo, e in particolare la sua connessione con quello della creazione, è al centro della scienza, della cosmologia e della religione. Le implicazioni del concetto di tempo della teoria della relatività di Einstein indussero gli scienziati a scoprire che il tempo è “elastico” e può essere dilatato dalla velocità del moto e dalla gravitazione, che esso non “scorre” in maniera uniforme, come sembrerebbe dalla nostra esperienza quotidiana, e che quindi non ha alcun senso suddividerlo in passato, presente e futuro. Ma la scoperta più sensazionale, una delle più importanti nella storia dei pensiero, fu che il tempo - e quindi tutta la realtà fisica - deve aver avuto una precisa origine nel passato, e dunque, se ha un inizio, può avere una fine. La teoria della relatività non ha comunque risolto l’“enigma del tempo”, e l’approfondimento di questa dimensione dell’universo fisico è una priorità della ricerca scientifica odierna. Dai buchi neri, dove il tempo “si ferma”, al bizzarro mondo della fisica quantistica, dove “svanisce”, Davies dimostra, in modo accessibile a tutti, come le attuali teorie diano risposte ancora insoddisfacenti a molte domande.
Perché l’universo appare più “giovane” di alcuni oggetti che contiene? Come emerge il concetto di tempo dal caos senza tempo dei Big Bang? Il passare del tempo è mera illusione? Può il tempo scorrere all’indietro? È possibile viaggiare nel tempo?
copertina



copertina

367: Camille Flammarion object list
Esercitazioni di osservazione astronomica per l’astronomo dilettante basate sul “Commento al Riassunto uranografico compreso in “Le stelle e le meraviglie del cielo”

Personalmente il nome di Flammarion mi era noto all’inizio della mia passione per l’Astronomia, alla fine degli anni ‘60.
Ancora ragazzino, sentivo che i colleghi astrofili più maturi avevano avuto occasione di formarsi culturalmente, almeno in parte, leggendo le opere questo grande divulgatore della scienza astronomica. [l'autore]




368: copertina



copertina

369: Viaggiare nel tempo

Viaggiare nel tempo è in assoluto la possibilità più affascinante che sia stata avanzata dalla fisica dell’ultimo mezzo secolo. Ancora una volta la scienza ha incalzato la fantascienza, e ciò che un tempo sembrava una pura speculazione dell’immaginazione, ha ricevuto l’appellativo di “possibile”.
Tra relatività generale e buchi neri rotanti, cunicoli spazio-temporali e particelle ultraluminali, ci siamo documentati e siamo andati a vedere di capirci qualcosa.




370: copertina



*

  home page ARAR Biblioteca   E-mail Il Planetario Il Comune di Ravenna